La crostata di ricotta e cioccolata è un tuffo nei ricordi adolescenziali. Giri in motorino insieme alla mia amica Gea, tra i vicoli di Campo dei Fiori e via dei Giubbonari. Prima tappa era forno Roscioli, la sua pizza a taglio rossa con la mozzarella è inimitabile, e poi direzione forno di Campo dei Fiori ed inmancabile crostata di ricotta e cioccolata! Dal momento che la pizza di Roscioli non si può replicare, la crostata di ricotta e cioccolata è un must della mia cucina. Il profumo delllo zucchero che si fonde nel burro e la golosità del cioccolato, sono da svenimento. E’ un tipico dolce dei vecchi e veri Rioni romani. Si può ancora trovare nei vecchi forni di Campo dei Fiori e nei pressi della Sinagoga. Lì assaporerete il vero dolce romano. Ma quando non mi va di uscire la faccio nel forno di casa. Semplice, veloce ed irresistibile!

Ingredienti

Per la Frolla

200 gr di Burro

50 gr di Zucchero

2 Uova

350 gr di Farina

1 Cucchiaino di Lievito per Dolci

1 pizzico di Sale

1 Cucchiaio di succo di Limone

Per il Ripieno

2 Uova

500 gr di Ricotta

30 gr di Zucchero

2 cucchiai di Cannella

200 gr di Ciccolato Fondente

 

 

 

Portate a temperatura il forno a 170à. Iniziate dalla frolla. Mischiate il burro morbido a pezzetti insieme alla farina, il lievito, le uova sbattute, lo zucchero,  il succo di limone e un pizzico di sale. Ovviamente se la frolla risulta ancora appiccicosa aggiungete un pò di farina in più. Formate una palla di frolla liscia e compatta, avvolgetela nella pellicolatrasparente e fate riposare in frigo per 15 minuti. Ora prendete le uova e sbattetele insieme allo zucchero e la cannella, aggiungete la ricotta e continuate a mischiare (meglio se usate una frusta non elettrica). Tagliate a pezzetti il cioccolato fondente ed unitelo al composto. Stendete la frolla , mettetela nella tortiera, bucherellate il fondo ed aggiungete il composto di ricotta e cioccolato. Decorate a piacere con la frolla rimasta. Infornate a 170° per 45 minuti. Quando diventa fredda, potete spolverarla con dello zucchero a velo. Gustatela in tutta serenità, è un dolce peccato da ricordare per sempre!

Stampa