Il cibo, non è solo sostanza, ma anche ricordi e memoria. Ad ogni morso, all’odore che sprigiona in cottura, la nostra mente rielabora quei sapori e li trasforma in immagini, in attimi, in momenti già vissuti. Non trovate anche voi? ogni volta che preparo il POLLO SCHIACCIATO il mio papà è magicamente con me in cucina. Ripeto i suoi gesti, sento la sua voce, le sue risate. Ad ogni ingrediente lui è lì con me. Non sono pazza, o forse sì, ma il cibo per me ha questo fantastico potere. Forse il giorno in cui cucinrete questo pollo schiacciato, vi ricorderete di me e sarà un pò come avervi nella vostra cucina. Non ridete non è un incubo, ma solo il mio piacere di farvi compagnia in cucina.. E allora cosa aspettate?

Ingredienti

Pollo 1 intero aperto a libro

Salvia 8 foglie

Paprika 2 cucchiai

2 Limoni

Vino Bianco 1 bicchiere

Sale q.b.

 

 

Lavate il pollo sotto l’acqua corrente. Sminuzzate la salvia. Spremete il succo di 1 limone, l’altro limone tagliatelo a fette sottili. Emulsionate il succo di limone con la paprika, il sale e la salvia. Scaldate una padella antiaderente, adagiate sopra le fettine di limone ed adagiate sopra il pollo. Irrorate il pollo con metà della vostra emulsione. Alzate la fiamma per 5 minuti, poi abbassatela e coprite con un coperto piatto, deve andare a contatto con il pollo, e mettete sopra il coperchio un peso. Trascorsi 30 minuti, girate il pollo ed irroratelo con il resto dell’emulsione e sfumate con il vino bianco. Ripetete la stessa procedura di cottura. Controllate che il vostro pollo sia ben cotto, altrimenti finite la cottura da entrambi i lati per altri 15 minuti. Il vostro pollo è pronto per essere gustato, magari con un pò di cicoria ripassata o del purè fumante. Buon appetito!

Stampa